Storytelling: il viaggio dell’eroe continua.

Nel post (molto) precedente abbiamo visto le prime 3 tappe del viaggio: il mondo ordinario, la chiamata, il rifiuto. Con le avvincenti tappe successive si entra nel vivo:

4. L’incontro con il mentore. L’eroe, una volta accettata la chiamata all’avventura, entra in contatto con una figura saggia, protettiva, una vera e propria guida. Il rapporto con il mentore può essere positivo ma anche conflittuale. Pensiamo a Obi Wan, che è stato il mentore di Luke ma anche di Anakyn. Any non si accontentava di essere un Jedi e non voleva rinunciare al potere o alla donna amata; per questo sceglie un nuovo mentore dai poteri oscuri ed entra in conflitto con Obi Wan fino a duellare con lui.

5. Il varco della soglia. L’eroe c’è, la chiamata c’è, il mentore c’è. Si parte: l’eroe, per sua scelta o a causa di un accadimento esterno, si ritrova ad attraversare un punto di non ritorno, affrontando una difficoltà sconosciuta e/o i guardiani della soglia, il cui compito è mettere alla prova l’eroe stesso.

6. Prove, alleati e nemici. Prove, situazioni difficili, alleati da tenersi stretti e nemici da cui guardarsi: l’eroe di sicuro non si annoia nel suo viaggio. A complicargli le cose, in alcune storie troviamo l’intrigante figura del “muta-forma” o shape-shifter: un personaggio che si mostra positivo fino ad un certo punto, per poi rivelarsi traditore, oppure la cui sincerità e le cui intenzioni erano dubbie sin dall’inizio (pensate al ripugnate Gollum del Signore degli Anelli).

7. La prova centrale. L’eroe è di fronte alle forze del male al massimo della loro potenza. Tutto sembra perduto. Ma la notte più nera precede l’alba più radiosa: nella lotta finale, il protagonista del viaggio muore e rinasce (anche solo simbolicamente): più forte, più consapevole, più Eroe che mai.

8. La ricompensa. Chi ha vinto le forze del male, affrontando i suoi demoni, aiutato dagli alleati e osteggiato dai nemici, ha diritto al suo tesoro: nuove capacità, nuovi poteri, il ricongiungimento all’amata, l’ottenimento dell’agognato premio. Perché l’eroe vale!

9. La via del ritorno. L’eroe ha vinto, ha ottenuto la ricompensa e può tornare a casa. Può tornare a casa… tranquillo? Sì, se gli dei o chi per loro glielo concedono. Se invece gli dei gli sono sfavorevoli, la via del ritorno sarà pericolosamente lunga. Pensiamo al povero Ulisse, che per aver suscitato l’ira del dio del mare Poseidone, affronterà un viaggio di 10 anni prima di riuscire a tornare a casa. Il tutto con buona pace di Penelope, che già aveva accumulato altri 10 anni di attesa per la guerra di Troia…

In sintesi, il viaggio dell’eroe è un potente schema narrativo, schematizzato dallo sceneggiatore americano Christopher Vogler, che possiamo utilizzare tanto in un blog, quanto in un romanzo e persino in una short story come una pubblicità (in cui il pubblico è l’eroe e il prodotto è l’aiuto magico: sembra strano, ma è così). Le più grandi e coinvolgenti storie ricalcano proprio questo viaggio: da Guerre Stellari a Harry Potter, tutti i protagonisti hanno lasciato il loro mondo ordinario, sono stati chiamati all’avventura, hanno avuto dubbi se accettare o meno. E poi sono partiti, hanno incontrato mentori, amici e nemici, hanno superato prove impensabili nel mondo ordinario e hanno ottenuto la loro ricompensa. Prima di tornare a casa. Il viaggio coinvolge e fa sognare perché tutti possono immedesimarsi nella trasformazione dell’eroe, avere i suoi stessi dilemmi e vincere le sue battaglie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.